Sezione di Psicologia

La Sezione di Psicologia del Dipartimento di Scienze della Formazione trova fondamento normativo nell’art. 3, comma 2, del Regolamento del Dipartimento, in osservanza di quanto previsto dall’14, comma 5, dello Statuto di Ateneo.

La Sezione rappresenta l’unità culturale e di ricerca delle varie articolazioni in cui oggi si presenta il “sapere psicologico”, compresi quegli ambiti disciplinari non strettamente riconducibili alle scienze ed alle tecniche della psicologia, ma fortemente vicini sia per campo di applicazione che per nuclei teoricamente condivisibili (sociologia, economia applicata, scienze della salute).

Lo scopo della Sezione è quello di facilitare, attraverso un continuo dialogo tra le varie componenti culturali che la compongono, la conoscenze e la comprensione dei fenomeni che caratterizzano l’agire umano e dei gruppi sociali, nel rispetto dei contenuti disciplinari e dei metodi propri delle singole discipline.

Le aree di ricerca e d’intervento caratterizzanti le componenti della Sezione sono: la Psicologia generale, cognitiva e della personalità; la Psicologia fisiologica; la Psicologia della Comunicazione; la Psicologia dello sviluppo e dell’educazione; la Psicologia sociale, dei gruppi e di comunità; la Psicologia giuridica e criminologica; la Psicologia del lavoro, delle organizzazioni e del comportamento di consumo; la Psicologia clinica e dinamica; i metodi e le tecniche di ricerca applicabili in ambito psicologico. Rappresentano nuclei culturali fortemente agganciati al “sapere psicologico” quello delle Scienze della salute (Psichiatria e fondamenti neuro-fisiologici delle attività psichiche) e delle scienze economiche e sociali (Economia applicata, Marketing, Sociologia).

La Sezione di Psicologia comprende Docenti e Ricercatori afferenti al Dipartimento di Scienze della Formazione, nonché ricercatori in formazione (assegnisti di ricerca, dottorandi, post-doc e studenti coinvolti nel circuito Erasmus) e studiosi esterni. Essa svolge la propria funzione concentrandosi su tre principali fondamenta:

  • Il primo nucleo caratterizzante è la ricerca di base, curandosi che questa sia iscritta in un più ampio quadro internazionale. I docenti e i ricercatori della Sezione, nell’ambito delle costanti relazioni con studiosi italiani ed internazionali, perseguono la precisa volontà di costituire all’interno del Dipartimento un luogo di scambio anche internazionale nei domini di ricerca di loro pertinenza. Questa integrazione con il panorama internazionale è essenziale per lo sviluppo delle attività della Sezione, poiché si concretizza di fatto con la stipula di accordi di cooperazione con istituzioni straniere, la partecipazione a società scientifiche internazionali, la presenza in comitati scientifici di riviste e di collane internazionali. Diventa di fondamentale importanza in tal senso, la costante condivisione, all’interno, e promozione/socializzazione, all’esterno, delle ricerche e dei “lavori in corso” di carattere scientifico in cui le componenti della Sezione sono coinvolti.
  • Il secondo Nucleo è quello delle attività di “ricerca-intervento”, ambito questo che la Sezione considera di fondamentale importanza sia per il potenziale “servizio” che tali attività possono rendere al territorio, sia per adempiere a quegli obiettivi di efficacia nella Terza Missione, ambito di sempre maggiore rilevanza nella mission di un dipartimento universitario.
  • Il terzo ed ultimo nucleo forte su cui le attività della Sezione di Psicologia si concentrano è quello delle pratiche di informazione e training per i giovani in formazione (tirocinanti interni, tesisti magistrali, eventuali dottorandi) sui metodi di ricerca caratterizzanti i settori psicologici ed affini.
Ultima modifica: 
20/02/2019 - 09:07