Obiettivi formativi

 All'interno degli obiettivi generali previsti per la classe LM51 - miranti alla formazione di una figura professionale di psicologo esperto negli ambiti di base della disciplina, ma anche preparato sugli aspetti applicativi di essa - in particolare il corso di laurea magistrale attiverà due curricula finalizzati allo sviluppo di:
- Conoscenze e competenze specialistiche negli ambiti della psicologia clinica e riabilitativa (curriculo A), con riferimento specifico alla programmazione di interventi riabilitativi nei confronti di disabilità evolutive o acquisite in età adulta. Sono attivate, a tal fine, discipline di psicologia generale e psicofisiologia, con particolare riferimento alle recenti acquisizioni delle neuroscienze e alle loro applicazioni nella riabilitazione cognitiva ed emotiva; insegnamenti di psicologia sociale e dell'educazione, delle risorse umane e dinamico-clinica. Il SSD L-LIN/01 viene inserito per consentire l'insegnamento della Psicolinguistica applicata, importante per l'approccio teorico e metodologico delle Scienze cognitive, del quale la Linguistica è componente essenziale; l'insegnamento opzionale predetto si colloca in stretta connessione con quelli di Psicologia cognitiva e neuroscienze, e Storia delle scienze cognitive, insieme ai quali completa l'offerta formativa dedicata appunto alle Scienze cognitive e alle loro applicazioni in psicologia. I risultati di apprendimento sono connessi alla migliore professionalizzazione dello psicologo nei settori della neuroriabilitazione e della didattica speciale, di cui gli aspetti linguistici sono parte integrante. Ai settori relativi ai fondamenti psico-biologici e psicofarmacologici (BIO/14) ed agli aspetti neuro-psichiatrici (MED/25) sono attribuiti 15 Cfu, cui si aggiungono specifici insegnamenti di tipo riabilitativo e clinico, compresi nel settore M-PSI/08.
- Conoscenze e competenze specialistiche negli ambiti della psicologia applicata nelle diverse istituzioni sociali (curriculo B) (SSD M-PSI/05 e M-PSI/06 riguardanti la psicologia sociale delle istituzioni, del lavoro e delle organizzazioni, di comunità) e, in particolare, in ambito scolastico (SSD M-PSI/01 e M-PSI/04) e giuridico-forense, approfondito negli insegnamenti dei SSD M-PSI/07 e M-PSI/08 (per la parte riguardante la psicologia della devianza e della criminalità).

Per entrambi i percorsi curriculari ampio spazio verrà dato agli aspetti metodologici, agli strumenti di indagine psicologica e alle tecniche dei test psicometrici (SSD M-PSI/03, inserito a tal fine anche fra i settori affini e integrativi per i suoi aspetti applicativi relativi allo specifico curriculo in cui è inserito). Particolare attenzione verrà attribuita ai sistemi di elaborazione delle informazioni utili per le applicazioni psicologiche (INF/01) e alla lingua inglese scientifica (4 CFU). Verranno altresì approfondite aree interdisciplinari utili per il lavoro dello psicologo nei settori citati, quali l'educazione degli adulti (M-PED/03), e – per l'ambito giuridico – la criminologia (IUS/17) e la diagnostica forense (nel già citato SSD M-PSI/03).

Queste competenze verranno acquisite mediante attività formative di tipo tradizionale ma anche attraverso laboratori (sono previsti CFU di laboratorio all'interno delle diverse discipline professionalizzanti), seminari specialistici, ed esperienze di stages e pratica guidata (6 CFU per entrambi i curricula) in Enti e Istituzioni in cui lo psicologo svolge il proprio lavoro. Sono state attivate a tal fine numerose convenzioni con Istituzioni pubbliche (ASL, in particolare servizi di diagnosi e cura, consultori, neuropsichiatria infantile, ecc.), servizi comunali per il counseling scolastico e di orientamento, carceri e uffici giudiziari; Aziende private, sia produttive (per i settori della formazione e della gestione delle risorse umane) sia di servizio, quali cooperative sociali operanti nei diversi ambiti di occupazione degli psicologi.

L'obiettivo specifico è formare un professionista della psicologia con solide basi teoriche e metodologiche ma anche consapevole, sulla base dell'esperienza diretta, delle componenti applicative della propria disciplina.

L'ordinamento e il piano di studi sono strutturati in modo da rispettare i criteri della certificazione EUROPSY, in modo che il laureato possa accedere a questa attestazione internazionale.  

 

Ultima modifica: 
15/03/2018 - 08:12