Requisiti di ammissione

Sono richieste per l'accesso le conoscenze di base acquisite in corsi di laurea triennali in cui siano stati approfonditi i settori della psicologia generale e sperimentale, la storia della psicologia, la psicologia della personalità e dello sviluppo; la psicologia sociale, del lavoro e delle organizzazioni, la psicologia dinamica e clinica. Queste conoscenze devono essere integrate in una più ampia consapevolezza epistemologica, nelle scienze umane e sociali, e accompagnate da una capacità metodologica di programmare ed eseguire ricerche ed interventi in campo psicologico. In armonia con i criteri già stabiliti dalla Conferenza dei Presidi di Psicologia, ora Conferenza della Psicologia Accademica, d'intesa con l'Ordine degli Psicologi, è indispensabile per l'accesso il possesso di almeno 88 CFU, distribuiti in tutti gli 8 settori M-PSI (o in almeno 7 di essi). Eventuali integrazioni curriculari in termini di CFU devono essere acquisite prima di detta verifica e del relativo bando.
È prevista una verifica della preparazione personale che verrà realizzata tramite una prova su argomenti riguardanti la psicologia generale, dello sviluppo e dell'educazione, sociale e del lavoro, dinamica e clinica, con riferimento anche agli aspetti epistemologici e metodologici della ricerca e delle applicazioni psicologiche. La prova verrà valutata sulla base dei seguenti criteri: adeguatezza di espressione in merito ai contenuti ed al metodo, capacità di rielaborare le conoscenze, capacita di organizzare le conoscenze in funzione di obiettivi specifici, sistematicità di trattazione, ampiezza della consapevolezza tematica e correttezza lessicale, capacità di approfondimento critico, capacità di collegamento interdisciplinare, capacità di trasferire le conoscenze ai contesti operativi.    
Ultima modifica: 
12/06/2019 - 12:40