Presentazione

La storia del Dipartimento di Scienze della Formazione (prima Facoltà di Scienze della formazione) dell'Università di Catania ha inizio nel 1949 come Istituto Universitario di Magistero, finanziato dal Comune di Catania e pareggiato dal 1951 alle facoltà di Magistero delle università statali. Gli Istituti “superiori femminili di Magistero” erano stati fondati, nel 1882,  su iniziativa di Francesco de Sanctis, con il fine di accrescere il livello culturale, soprattutto delle donne.
 
Nel 1990 l’Istituto divenne Statale, entrando a far parte dell’Ateneo catanese, costituendone la decima facoltà. Nel 1993, per primo, il Corso di laurea in Pedagogia fu riorientato in quello di Scienze dell’educazione, sancendo così la definitiva trasformazione dell'Istituto a Facoltà. Tutti i preesistenti corsi in Materie letterarie, Lingue e letterature straniere e Vigilanza nella scuola elementare vennero professati ad esaurimento. Infine, nel 1995, l’ultimo cambiamento: i Magisteri diventano Facoltà di Scienze della Formazione non più destinati soltanto alla formazione degli insegnanti, ma finalizzati anche alla preparazione di nuove figure professionali, quali educatori e formatori operanti in diverse istituzioni sociali, oltre che nella scuola.
 
A far data dall’anno accademico 2001/2002, con la riforma degli ordinamenti - a seguito della necessità di adeguarsi ai criteri europei di rinnovare le modalità didattiche e, soprattutto, per andare incontro alle mutate condizioni del mercato del lavoro - è avvenuto un cambiamento radicale nei corsi di studio. Oggi, il Dipartimento di Scienze della formazione conta circa cinquanta docenti e migliaia di studenti, distribuiti su tre corsi di laurea di primo livello e su due corsi di laurea magistrale.
 
Sull'eredità e i progetti del Dipartimento è disponibile in questa pagina una nota del Direttore, prof. Santo di Nuovo.