Dottorato di Ricerca

PROCESSI FORMATIVI, MODELLI TEORICO-TRASFORMATIVI E METODI DI RICERCA APPLICATI AL TERRITORIO

 
Descrizione del progetto formativo e obiettivi del corso

Descrizione del progetto:

Il progetto formativo del dottorato in Processi Formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio si caratterizza per la decisa impronta interdisciplinare che rappresenta il suo maggior punto di forza; pur collocandosi in perfetta continuità con i corsi di laurea magistrale offerti dal Dipartimento proponente (Psicologia e Scienze Pedagogiche e progettazione educativa), risulta polo di attrattività anche per laureati, per lo più in settori umanistici, provenienti da altre classi di laurea e da altri Atenei, non esclusivamente nazionali. La cura per la formazione epistemologica, teorica e metodologica negli ambiti delle scienze umane (storia-archeologia-filosofia), dei processi formativi (pedagogia), psicologici e della realtà sociale (sociologia-geografia-economia-diritto) è centrale al progetto formativo. La suddetta interdisciplinarità si concreta infatti in una progettazione formativa finalizzata a fornire approcci e metodologie di ricerca applicata negli ambiti suddetti, fornendo allo studente una preparazione - teorica ed applicativa - che tiene conto della relazione circolare tra epistemologia, teoria e metodi delle scienze umane e sociali.

Le dimensioni d'indagine si focalizzano su:

- Aspetti epistemologici, teorici e metodologici relativi alle scienze umane;
- Proposta e costruzione di modelli e indagini legate all'innovazione negli ambiti disciplinari del progetto di dottorato;
- Analisi di processi educativi, psicologici e sociali nei contesti multiculturali;
- Proposta e costruzione di modelli e pratiche rivolte alla riduzione e al contrasto della povertà educativa e del disagio psico-sociale, alla sperimentazione di nuove pratiche di inclusione sociale (migrazione, nuove dipendenze, rivitalizzazione di ambienti lavorativi e di vita);
- Analisi di nuove forme e pratiche di cittadinanza collegate ai processi identitari e allo sviluppo locale partecipato;
- Osservazione e studio delle pratiche green nei settori delle scienze umane, nei processi formativi e psicologici e nell'osservazione della realtà sociale;
- Beni culturali e ambientali, e sviluppo sostenibile del territorio;
- Analisi e valorizzazione culturale, socioeconomica e turistica del territorio.
 

Il progetto formativo del corso di dottorato offre ampie opportunità di scelta ai giovani studiosi che intendono approfondire le dinamiche legate a domini e problemi sociali attuali ed innovativi; consente spazi di analisi diversificati legati alle dimensioni suddette ed ai settori a queste interrelati. Lo studio dei fenomeni e delle questioni sociali da punti di vista disciplinarmente diversi, e talvolta interrelati, consente al giovane ricercatore, che intraprende tale percorso formativo, di concretare una preparazione tendenzialmente esaustiva sugli ambiti proposti in relazione al proprio progetto di ricerca, ma anche in termini più ampi e legati al progetto formativo del dottorato, come sarà espresso dagli obiettivi e si evincerà dall'attività didattica erogata.

Obiettivi del corso:

Il corso di dottorato mira alla costruzione di abilità e di competenze nella ricerca speculativa e applicata negli ambiti delle scienze umane (storia-archeologia-filosofia), dei processi formativi (pedagogia), psicologici e della realtà sociale (sociologia-geografia-economia-diritto). Il corso ha l'obiettivo di favorire una formazione sugli approcci teorici e le metodologie e tecniche empiriche riferite ai diversi settori disciplinari, ma anche trasversali per l'acquisizione di capacità nello sviluppare e perfezionare percorsi di ricerca orientati all'analisi e all'implementazione di processi dinamici di formazione riferiti allo sviluppo inclusivo e sostenibile, umano e ambientale; a progettare e sperimentare modelli interpretativi e operativi innovativi nel campo delle scienze umane, pedagogiche, psicologiche e sociali, nel senso più ampio, e ad individuare e proporre, eventualmente, pratiche sociali che potrebbero configurarsi come best practice in contesti specifici, o più in generale nell'ambito delle politiche formative e sociali. Obiettivo collaterale del corso di dottorato in Processi Formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio è guidare il giovane ricercatore ad intraprendere, in parallelo ed interrelazione, un etero e un auto-percorso di formazione, dove lo studente è il principale responsabile del processo di istruzione professionale relativamente all'acquisizione di competenze ed il completamento del progetto di ricerca con la presentazione della tesi di dottorato, ai fini della costruzione di un sé professionale autonomo e determinato. Il rapporto di tutoring sarà orientato in tal senso e la didattica erogata avrà l'obiettivo di supportare il giovane studioso nella costruzione di una sicura identità professionale. L'interdisciplinarità/transdisciplinarità della didattica erogata è orientata al raggiungimento del suddetto risultato: immettere sul mercato del lavoro un professionista della ricerca nel campo delle scienze umane, sociali e territoriali; per questo motivo oltre ad offrire allo studente un corso integrato di Introduzione ai metodi della ricerca empirica nelle scienze umane, comprensivo di più moduli rivolti alla formazione multi- inter-disciplinare del dottorando sui metodi e le tecniche della ricerca empirica, un corso di Lingua Inglese e uno di Informatica. L'offerta formativa sarà inoltre arricchita da una vasta proposta di convegni, seminari e giornate di studio negli ambiti disciplinari del dottorato con l'obiettivo di presentare al giovane ricercatore dimensioni tematiche e di ricerca con cui confrontarsi nel suo percorso di formazione. Infine, sarà incoraggiata la permanenza all'estero del giovane studioso (almeno tre mesi) con l'obiettivo di avviare studi comparativi e consentire un percorso di approfondimento e di confronto scientifico a livello europeo o internazionale.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti

Gli obiettivi occupazionali e professionali del corso di dottorato in Processi Formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio sono rivolti all'acquisizione di conoscenze e competenze, anche relazionali, che permettano una adeguata collocazione all'interno di Istituti di ricerca pubblici e privati, di Enti di formazione, della Pubblica Amministrazione, in particolar modo nei settori della formazione, della salute, dello sviluppo sostenibile e del turismo. L'innovazione tecnologica, sempre meno vincolata da confini “locali”, richiede un costante aggiornamento e risposte competenti alla domanda di lavoro emergente da contesti diversificati. Si avverte la carenza di figure specializzate, di alto profilo professionale, che non si distinguano solo per le competenze squisitamente scientifiche, quanto per la capacità di concepire l'innovazione come occasione di formazione e sviluppo della persona nei vari contesti. Adeguate metodologie e pratiche efficaci consentirebbero nei diversi settori, da quello meramente scientifico a quello professionale e operativo, di rispondere con rinnovata competenza e profili professionali a domande specifiche ed attuali emergenti da contesti lavorativi specialistici. Saranno promosse attività di raccordo tra il corso di dottorato e il mondo del lavoro e della ricerca, per qualificare le esperienze acquisite dai profili formati, ai fini del possibile inserimento nei settori di perfezionamento e in diretto riferimento alle professionalità individuate. Durante l'ultimo anno di corso si prevede, infatti, l'organizzazione di incontri finalizzati ad una più approfondita e mirata conoscenza della rete di opportunità occupazionali presenti, sia sul territorio nazionale che in quello comunitario ed internazionale.

Coerenza con gli obiettivi del PNRR (a.a. 2022-23)

Il progetto formativo del corso di dottorato in Processi Formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio si caratterizza per la decisa matrice interdisciplinare con l'obiettivo di realizzare, anche attraverso le diverse componenti del collegio dei docenti appartenenti alle aree CUN 11, 12, 13 e 14, una progettazione formativa mirata all'apprendimento di approcci e metodologie di ricerca applicata relativi a tali aree e, dunque, dotare lo studente di una preparazione - teorica ed applicativa – basata sulla relazione circolare tra epistemologia, teoria e metodi delle scienze umane e sociali. Gli obiettivi del corso di dottorato sono, inoltre, rivolti all'acquisizione di conoscenze e competenze, anche relazionali, che permettano una adeguata collocazione del futuro dottore di ricerca all'interno di vari settori, tra cui quello della Pubblica Amministrazione. Rispetto a quest'ultima precipua finalità e in coerenza con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), Missione 4.1, riferita nello specifico ai dottorati per la Pubblica Amministrazione, il progetto formativo del dottorato in Processi Formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio consente un'applicazione in termini di ricerca empirica e speculativa ai temi della Pubblica Amministrazione indicati all'art. 8 del DM 351/2022. In particolare, in continuità e coerenza con il progetto formativo e gli obiettivi sopra descritti, il corso di dottorato si presenta perfettamente adeguato a consentire lo sviluppo di autonomi percorsi di ricerca, anche se impostati dalla preparazione di base offerta, orientati: (a) allo studio multidisciplinare dei processi di policy e dalle azioni a questi connessi, anche in termini di problem solving, di adattamento al mutamento sociale e di valutazione della loro implementazione; (b) all'esame e la proposta di strategie amministrative e indirizzate alla valorizzazione delle risorse (ambientali, sociali e culturali); all'analisi di strategie manageriali e di leadership, in riferimento alla gestione del territorio e delle risorse umane a questo correlate; (c) alla valutazione e creazione di competenze organizzative, soprattutto nell'ambito della psicologia e della sociologia delle organizzazioni, che rispondano al veloce e costante mutamento della razionalità amministrativa e della sua complessità; (d) alla proposta di soluzioni digitali utili all'implementazione delle policies ed alla semplificazione e progettazione di dinamiche di amministrazione pubblica collegate al territorio ed alla formazione delle risorse umane.

L'offerta formativa comprenderà infine l'attuazione del percorso presso le sedi amministrative dell'Università degli studi di Catania, Dipartimento di Scienze della Formazione, fornendo al dottorando strutture adeguate e finalizzate alle sue attività di studio e ricerca; assicurerà che il percorso di ricerca preveda periodi di studio e ricerca presso: (a) imprese, centri di ricerca o Pubbliche Amministrazioni di minimo sei mesi (max 12) e (b) all'estero presso centri o università qualificate per almeno sei mesi (max 18). Completato il percorso del dottorando, l'Università degli studi di Catania, Dipartimento di Scienze della Formazione, si farà garante della tutela della proprietà intellettuale e della valorizzazione dei risultati della ricerca e i dati acquisiti. Nel garantire il rispetto dei principi orizzontali del PNRR, il corso di dottorato in Processi Formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio, in coerenza con il progetto formativo offerto e gli obiettivi delineati, focalizzerà l'attività sui temi trasversali: dell'istruzione, della formazione e della ricerca; della transizione ecologica e digitale; della sostenibilità; della inclusione e coesione sociale; del turismo e della cultura. Tali missioni saranno assicurate dall'orientamento in tale direzione dei percorsi di ricerca e dalle attività di raccordo tra il corso di dottorato e il mondo del lavoro e della ricerca, anche tramite attività seminariali, di workshop e convegnistiche.

Contatti

Ufficio Dottorato di ricerca
Palazzo Sangiuliano
Piazza Università, 16 (1° piano)
95131 - Catania
Telefono +39 095 7307 261 / 212 / 263 / 257
dottorati@unict.it

Emergenza Covid-19
Tutti gli Uffici dell’Area della Didattica assicurano il ricevimento al pubblico in presenza su prenotazione online.

PRENOTA ONLINE

Orari
Lunedì: 8:30-13:30
Giovedì: 8:30-13:30 | 15-16:45

 

Ultima modifica: 
19/09/2022 - 20:19